SportInPuglia

Iscrivi la tua associazione

Migliori calciatori pugliesi in attività: Centrocampisti

17 Giu 2020 | Cronaca Sportiva

  1. Home
  2. Magazine
  3. Cronaca Sportiva
  4. Migliori calciatori pugliesi in attività: Centrocampisti

Da chi sarebbe composta un’ipotetica Rappresentativa Regionale Pugliese di calcio

Lo cerchiamo di capire attraverso un reportage sui migliori calciatori della nostra regionein attività. Ruolo per ruolo, abbiamo scovato le eccellenze calcistiche della Puglia che in questo momento calcano i terreni di gioco italiani e internazionali, appuntando circa un centinaio di nomi.
Dopo la lista degli attaccanti, proseguiamo con i centrocampisti: ne abbiamo selezionati 32, ma saremo lieti di accettare vostre proposte e suggestioni. 
Scrivete sui nostri canali social quali sono i vostri preferiti o suggeriteci altri nomi che abbiamo omesso o dimenticato. 
Alla fine del reportage stileremo unaspeciale Top 11 dei giocatori pugliesi in attività nel 2020.

Thiago Alcantara - Centrocampista del Bayern Monaco  Gaetano Castrovilli - Centrocampista della Fiorentina

 

Gli imprescindibili

THIAGO ALCANTARA, 29, BAYERN MONACO (San Pietro Vernotico, BR)
 
GAETANO CASTROVILLI, 23, FIORENTINA (Canosa di Puglia, BAT)
 
Sono solo due i centrocampisti pugliesi a giocare ad altissimi livelli in questo momento storico. Il primo è uno “straniero”: anche se nato a San Pietro Vernotico (Br) da genitori brasiliani, Thiago Alcantara è a tutti gli effetti nel giro delle convocazioni della nazionale spagnola, con la quale ha esordito il 10 agosto 2011 proprio contro l’Italia e proprio nella sua Puglia, al San Nicola di Bari. Il motivo per cui Thiago Alcantara è originario di San Pietro Vernotico è noto a tutti: nacque lì grazie alle anestesie dell’allora medico sociale del Lecce, Peppino Palaia (privilegio che condivide col sottoscritto e tanti altri salentini nati tra gli anni ’80 e ‘90) visto che il padre, Mazinho, nel 1991 era uno dei punti di forza dei giallorossi allenati da Boniek. Alcantara è un centrocampista completo e, seppur non dotato di un fisico possente, si distingue in entrambe le fasi di gioco. Attualmente milita nel Bayern Monaco ed è di pochi giorni fa la notizia dell’imminente operazione all’inguine, per cui il suo campionato può considerarsi finito. Nonostante abbia vissuto in Puglia solo per il suo primo anno di vita, la carta d’identità non mente e sarebbe certamente convocabile – e imprescindibile – nella nostra rappresentativa regionale.
L’unico altro top player nel ruolo è il giovane Gaetano Castrovilli da Canosa di Puglia (BT). Al primo anno di Serie A nella Fiorentina dopo l’ottima stagione scorsa nella Cremonese, si è subito messo in luce tra i migliori esordienti del campionato (resta sempre da capire perché in Italia un giovane forte arrivi ai vertici solo a 23 anni, se va bene) meritandosi anche la convocazione in Azzurro. Cresciuto nelle giovanili del Minervino prima di passare al Bari, si tratta di un mediano molto simile a Thiago Alcantara per caratteristiche, veloce con grandi abilità di inserimento sia con sia senza palla. La Fiorentina di Commisso sta cercando di blindarlo per farne uno dei pilastri del futuro viola, magari da bandiera e capitano.



 
 

Gli incalzanti

FRANCESCO DI TACCHIO, 30, SALERNITANA (Trani)

CRISTIAN GALANO, 29, PESCARA (Foggia)
 
GIOVANNI DI NOIA, 25, CHIEVO VR (Bari)
 
MIRKO ERAMO, 30, ASCOLI (Acquaviva delle Fonti, BA)
 
WILLIAM PIZZI, 25, JUVENTUS ZURIGO (Lecce)
 
NICOLA BELLOMO, 29, REGGINA (Bari)
 
NICOLA STRAMBELLI, 31, LECCO (Bari)
 
LUIGI FALCONE, 28, PISTOIESE (Mesagne, BR)
 
CRISTIAN AGNELLI, 34, PERGOLETTESE (Foggia)

Per trovare concorrenza ai due imprescindibili bisogna purtroppo scendere in Serie B, quando non addirittura in C. Il primo nome della nostra lista è quello di Francesco Di Tacchio da Trani, trentenne capitano della Salernitana di Ventura recentemente multato per aver organizzato una festa per il proprio compleanno durante la quarantena. Mediano possente e dal cartellino facile, potrebbe rappresentare il polmone giusto per coprire le scorribande di Castrovilli e Alcantara. Ma attenzione anche a Giovanni Di Noia da Bari Mirko Eramo da Acquaviva delle Fonti (Ba), jolly in forza rispettivamente al Chievo Verona e all’Ascoli che possono ricoprire tutti i ruoli del centrocampo e, all’occorrenza, anche arretrare sulle fasce in difesa. Cristian Galano da Foggia, attualmente al Pescara, potrebbe essere una valida alternativa ai due imprescindibili per ruolo e caratteristiche, così come il 25enne Willy Pizzi da Lecce, trequartista cresciuto nelle giovanili giallorosse ma che, dopo non aver avuto fortuna nel Pescara e nell’Ancona, ha trovato la sua dimensione nella terza serie svizzera, dove ha appena concluso il trasferimento dal Bruhl allo Juventus Zurich. 

Luigi Falcone - Centrocampista Pistoiese

Ed è appunto nella nostra terza serie, la C, che continua la ricerca dei centrocampisti identificati come incalzanti grazie al proprio curriculum. Le storie di Nicola Bellomo da Bari, Luigi Falcone da Mesagne (Br) Nicola Strambelli da Bari sono per molti versi assimilabili. Alla fine della prima decade del 2000, infatti, tutti e tre erano considerati giovani stelle in rampa di lancio dalle cantére di Bari e Lecce. Dieci anni dopo, però, non sono riusciti a far brillare il proprio talento e hanno girovagato con alterne fortune per ritrovarsi poi, all’apice della carriera, ancora in Serie C rispettivamente alla Reggina (appena promossa però in B), alla Pistoiese e al Lecco. 
Né miglior sorte ha avuto Cristian Agnelli da Foggia: scovato da Pantaleo Corvino nelle giovanili rossonere ai tempi d’oro della Primavera del Lecce – di cui fu capitano nell’anno dello scudetto – da lui ci si attendeva una grande carriera, spesa invece prevalentemente sui campi di provincia. Agnelli, però, ha coronato il sogno di diventare capitano del suo Foggia, squadra che ha lasciato dopo 7 stagioni consecutive (unico calciatore nella storia ad aver realizzato con la maglia rossonera almeno una presenza in quattro differenti categorie) solo in seguito al fallimento della scorsa estate per accasarsi alla Pergolettese, dove è titolare inamovibile nonostante i 34 anni. Sempre sognando di poter concludere la carriera con i satanelli.

Segnalati da voi:
 
EMANUELE CICERELLI, 25, SALERNITANA (San Giovanni Rotondo, FG)
 
ANTONIO MATERA, 23, CAVESE (San Severo, FG)

Emanuele Cicerelli - Centrocampista della Salernitana

 
Grazie alle vostre segnalazioni abbiamo potuto aggiungere altri due nomi importanti che ci erano colpevolmente sfuggiti nella lista degli incalzanti. Il primo è quello di Emanuele Cicerelli da San Giovanni Rotondo (Fg): in prestito alla Salernitana dalla Lazio ma costantemente corteggiato anche dal Parma del ds salentino Faggiano, è uno dei punti di forza della rosa a disposizione di Ventura. Il laterale mancino è infatti un eccellente uomo assist e questo, infortuni muscolari permettendo, potrebbe essere l’anno della sua consacrazione.
Antonio Matera da San Severo (Fg), invece, si sta mettendo in luce alla Cavese: nonostante la giovane età può già vantare oltre 100 presenze in serie C anche con le maglie di Potenza e Fidelis Andria oltre a 5 presenze col Benevento in Serie B, categoria dove punta legittimamente a ritornare.
 


Gli outsider

GIACOMO LEZZI, 21, CASERTANA (Lecce)
 
CARLO CLEMENTE, 22, CASERTANA (Altamura, BA)
 
SAMUELE PARLATI, 23, FANO (Gallipoli, LE)
 
MARCO PICCINNI, 33, MONOPOLI (Bari)
 
PASQUALE MAIORINO, 30, FERALPI SALÒ (Taranto)
 
LEONARDO TAURINO, 24, VIBONESE (Taranto)
 
IGNAZIO BATTISTA, 23, VIBONESE (Taranto)
 
STEFANO ANTEZZA, 24, VITERBESE (Bari)
 
FRANCESCO ORLANDO, 23, SANBENEDETTESE (Taranto)
 
GIUSEPPE UNGARO, 25, BISCEGLIE (Taranto)
 
GIANMARCO MONACO, 23, NOCERINA (San Pietro Vernotico, BR)
 
DANIELE FORTE, 29, TURRIS (Foggia)
 
TOMMASO COLETTI, 36, CERIGNOLA (Canosa di Puglia, BAT)
 
FRANCESCO DELLA ROCCA, 32, svincolato (Brindisi)
Per gli outsider navighiamo tra la Serie C e la D, cominciando da un profilo molto interessante che sta però facendo fatica a sbocciare: Giacomo Lezzi da Lecce. Nato trequartista, negli ultimi due anni è stato il capitano e trascinatore delle giovanili giallorosse allenate da Siviglia, senza però trovare spazio in prima squadra. Di lui si dice un gran bene anche grazie alle abilità conseguite in una parte più arretrata del campo come regista dai piedi buoni, ma l’estate scorsa il Lecce lo ha svincolato e lui si è accasato alla Casertana. Stessa compagine dove milita Carlo Clemente da Altamura (Ba) che, insieme a Samuele Parlati da Gallipoli (Le) attualmente al Fano, rappresentano due dei migliori giovani prospetti pugliesi della terza serie. Per l’esperienza, invece, rivolgersi a Marco Piccinni da Bari Pasquale Maiorino da Taranto, rispettivamente giocatori di Monopoli e Feralpi Salò. A Vibo Valentia troviamo una doppietta tarantina: Leonardo Taurino e Ignazio Battista, entrambi in rampa di lancio. Sgomitano in cerca di minuti tra Viterbese, Sanbenedettese e Bisceglie Stefano Antezza da BariFrancesco Orlando e Giuseppe Ungaro da Taranto.
In Serie D troviamo quattro profili considerabili outsider, a cominciare da Gianmarco Monaco da San Pietro Vernotico (Br), centrocampista della Nocerina dai piedi buoni ma scarsa confidenza con la porta, e proseguendo con Daniele Forte da Foggia, punta di diamante del centrocampo della Turris dove ha disputato un’ottima stagione. Concludiamo con gli immarcescibili Tommaso Coletti da Canosa di Puglia (Bat) ora all’Audace Cerignola e Francesco Della Rocca da Brindisi, ex Bologna, Palermo, Perugia e Salernitana e attualmente svincolato a soli 32 anni dopo una sfortunata esperienza a Padova.


 
 

Gli underdog

FEDERICO MASTROPIETRO, 21, VIRTUS FRANCAVILLA (Taranto)
 
LEONARDO DI COSMO, 21, VIRTUS FRANCAVILLA (Andria)
 
ALESSIO TUTTISANTI, 21, MONOPOLI (Bari)
 
LUIGI SARLI, 20, FANO (Taranto)
 
SERGIO MASELLI, 19, LECCE (Putignano, BA)
 
Arriviamo dunque ai profili giovani o giovanissimi, i cosiddetti underdog. Nella Virtus Francavilla militano due ventunenni molto interessanti: Federico Mastropietro da Taranto Leonardo Di Cosmoda Andria. Mastropietro è stata una delle grandi rivelazioni del campionato con 27 presenze, 3 gol e 1 assist. Mister Trocini stravede per lui e gli ha chiesto di crescere arretrando il suo raggio d’azione dalla trequarti al centrocampo ed ora parecchi club di Serie B gli hanno messo gli occhi addosso. Di Cosmo invece è un tuttofare della mediana, fiorito nella Fidelis Andria ma in prestito agli imperiali da un’altra Virtus biancazzurra, l’Entella. Specialista in gol alle big, è molto cresciuto nella seconda parte di torneo sotto tutti i punti di vista: fisico, tecnico e caratteriale.
A Monopoli si sono intraviste le capacità di Alessio Tuttisanti da Bari, che dopo l’apprendistato nei vivai di Torino e Bari si era messo in luce nel Fasano. Su Luigi Sarli da Taranto, invece, ha puntato forte il Fano facendogli sottoscrivere un triennale dopo averlo prelevato in accordo con l’Ascoli, che ne detiene il diritto di “recompra”: per l’ex Fiorentina e Reggiana, però, solo 7 presenze in tutto. Chiudiamo infine con Sergio Maselli da Putignano (Ba): nato e cresciuto nelle giovanili del Bari, dopo il fallimento dei galletti ha seguito il suo mentore Gennaro Delvecchio accasandosi al Lecce, dove ha raccolto l’eredità di Giacomo Lezzi esordendo anche in Coppa Italia.
 
Quali di questi centrocampisti convochereste nella vostra rappresentativa regionale ideale? Quali invece non sono stati inseriti pur essendo meritevoli?
Segnalatecelo sui nostri canali social prima del prossimo appuntamento col nostro reportage sui migliori calciatori pugliesi in attività in cui passeremo in rassegna i difensori: ne abbiamo selezionati per voi 30.
 
 
Luca Brindisino

Articoli Correlati